La chiesa di San Martino di Tours

IMG_5340La presenza della chiesa di san Martino ad Albisano risale al 1401 ma le sue origini si presume siano più antiche. Venne ristrutturata radicalmente verso la metà del Settecento, cambiandone la forma e le dimensioni. L’edificio venne allungato, inserite due cappelle laterali, alzato il tetto ed il campanile. L’interno ha una sola navata che termina con il presbiterio, ha due altari laterali; quello di sinistra dedicato a san Carlo Borromeo, a destra, alla Madonna del Rosario e l’altare maggiore,  è dedicato a San Martino; di pregio la statua settecentesca del Cristo risorto, proveniente dalla precedente chiesa e una pala del seicento posta nel coro. le pareti sono decorate con cornici a stucco che riquadrano le pitture del pittore locale Eugenio Vangelista, raffiguranti episodi della vita di S. Carlo Borromeo e “L’ascesa al soglio pontificio di Paolo VI”; opera dei fratelli Mattielli è invece il dipinto raffigurante “S. Martino” che sovrasta l’arco trionfale. L’ambiente interno è coperto da una sequenza di ampie volta e vela, scandite da costolonature trasversali, decorate con cornici a stucco e pitture murali opera dei pittori Adolfo ed Attilio Mattielli. Copertura a due falde con struttura lignea portante e manto in coppi di laterizio. La pavimentazione della navata è realizzata in piastrelle di cemento decorate con un disegno geometrico policromo; il piano del presbiterio è pavimentato in lastre di marmo rosso Verona e nembro rosato.